Weekend in Calabria, tra natura e sapori inconfondibili

03 marzo 2017 - AMANTEA (CS)

Con l’avvento di marzo arriva la voglia di stare all’aria aperta e la Calabria, con i suoi paesaggi incontaminati e la sua ricca tradizione culinaria, rappresenta la meta perfetta per un weekend all’insegna del relax e del buon cibo.
Questa regione, contraddistinta da un incredibile varietà ambientale e culturale, è un vero e proprio museo etnico a cielo aperto in cui la storia dei popoli che l’hanno dominata e abitata si mostra nella bellezza di scorci incontaminati - dai litorali del tirrenico e ionico ai rilievi dei suoi parchi naturali – e nella lunga e composita enogastronomia.
 
Primo Giorno
Arrivo ad Amantea, posto incantevole, dove consigliamo di fare visita al vecchio Castello Angioino-Aragonese: in questa zona si possono assaporare piatti tipici, realizzati con la famosa cipolla rossa di Tropea, gustosa e dal profumo intenso. Subito dopo pranzo, si prosegue alla scoperta dei meravigliosi fondali dell’Oasi Blu di Isca: 60.000 metri quadri di flora e fauna protette da WWF. In serata si arriva a Paola,  dove la visita al suggestivo Santuario di San Francesco è  obbligatoria. Cena e pernottamento.
 
Dove alloggiare: Vi suggeriamo di soggiornare presso l’ Azienda Agrituristica Santa Rita, a mezz’ora d’auto da Paola. La struttura, circondata da uliveti e alberi da frutto, può accogliere fino a 12 ospiti nelle sue camere dalle ampie vetrate dotate di ogni comfort e offre la possibilità di gustare le specialità della cucina calabrese a base di carne di struzzo, prodotto di punta dell’allevamento gestito dall’azienda.
 
 
Secondo Giorno
Si prosegue verso Diamante, dai caratteristici murales dipinti sulle facciate delle abitazioni affacciate sul mare: da questa zona è visibile l’isola di Cirella circondata da fondali bellissimi, che raccontano storie del XVI secolo. Prima di proseguire, concedetevi una pausa pranzo a base di piatti tradizionali presso l’Agriturismo Fattoria di Arieste, circondato da un bosco di querce, castagni, piante mediterranee, ulivi e vigneti: dagli antipasti, alla pasta fatta in casa, fino alle grigliate di carni miste e verdure e ai dolci, tutto è realizzato con prodotti di produzione propria o locale.
Seconda tappa della giornata, Praia a Mare, bellissima non solo per il panorama circostante. Obbligatoria la visita al Museo d’arte Moderna e contemporanea. Vi consigliamo anche una visita al Santuario della Madonna della Grotta: ricavato appunto in una grotta, vi si accede attraverso una scalinata, dove sono raffigurate le 14 stazioni della Via Crucis. Rientro.
 
Calcola il percorso
Calcola il tuo percorso