Basilicata on the road, tra musica, sport e natura selvaggia

10 giugno 2016 - VIGGIANO (PZ)

È il luogo dell'anima. Il profondo sud d'Italia, la Magna Grecia, un'Italia spesso dimenticata, dove ancora resistono le suggestioni del mondo poetico-contadino”. Così Gabriele Salvatores descrive la Basilicata, set di uno dei suoi film più celebri, “Io non ho paura”.

 

Terra dal fascino arcaico in cui il tempo sembra essersi fermato, questa regione rappresenta la destinazione perfetta per chi cerca verde incontaminato e natura selvaggia, ma anche cultura e tanto relax.

 

 

Il nostro itinerario parte da Viggiano, piccolo comune in provincia di Potenza noto per la produzione di stupende arpe - di cui detiene la leadership a livello mondiale - e per la vivace scena musicale, con un ricco calendario di concorsi e concerti di musica classica e jazz. Per immergersi completamente nell’atmosfera di questo luogo, vi consigliamo di alloggiare presso l’agriturismo Il Castelluccio, struttura con vista sui monti Sirino e Volturino, circondata da boschi, oliveti e vigneti che mette a disposizione dei clienti mini appartamenti dotati di cucina, offrendo inoltre un’ampia scelta di attività: dalle visite guidate a piedi o in mountain bike, alle fattorie didattiche dedicate ai più piccoli, fino alla possibilità di noleggiare aquiloni professionali.

 

 

Da Viggiano a Laurenzana, suggestivo borgo medievale dell’entroterra lucano, sede dell’agriturismo L’Abetina, che prende il nome dalla riserva naturale su cui sorge. Situata in una splendida posizione panoramica, questa azienda può accogliere fino a 15 ospiti nelle sue 4 camere affacciate sulla ridente zona della Diga Camastra, e rappresenta la soluzione ideale per gli amanti dello sport: è possibile infatti praticare passeggiate a cavallo e in mountain bike, ma anche cimentarsi con percorsi fitness e tiro con l´arco, o ancora, destreggiarsi sulla parete per arrampicata. Non mancano proposte a misura di famiglia, come percorsi didattici pensati ad hoc per i bambini e un ampio spazio giochi attrezzato.

 

 

Terza tappa di questo tour ”on the road” nell’entroterra lucano sono i borghi di Castel Mezzano e Pietrapertosa. Ogni anno migliaia di persone si recano qui per provare l’esperienza mozzafiato del Volo dell’Angelo: legati un’apposita imbracatura e agganciati a un cavo d’acciaio, ci si lancia nel vuoto, sorvolando l’incredibile paesaggio montuoso delle Dolomiti lucane, a una velocità che sfiora i 120 km orari.

 

Ma in questi luoghi è possibile dedicarsi anche ad attività più tranquille, come la degustazione delle tipiche specialità lucane. Per un pranzo all’insegna della tradizione, vi consigliamo l’agriturismo Il Molino della Contessa, dove potrete assaporare i sapori di una volta, gustando zuppe di legumi, pasta fatta in casa, piatti a base di carne e vini prodotti dall’azienda.

 


Il nostro itinerario si conclude a Pignola, località situata all’interno del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, i cui scorci incontaminati rappresentano una costante fonte di ispirazione per artisti e musicisti. Tra i suoi estimatori c’è il cantautore Vinicio Capossela, che ha scelto proprio Pignola come set per il primo concerto del suo tour estivo, previsto per il prossimo 23 giugno. Per visitare agevolmente le bellezze di questo gioiello urbanistico, con le piccole case disposte lungo cerchi concentrici che cedono il passo a imponenti palazzi d’epoca dai magnifici portali in pietra scolpita, fate base presso l’agriturismo Margherita, ideale per chi vuole trascorrere qualche giorno di totale relax a contatto con la natura. La struttura, situata su circa 10 ettari di orto e frutteti, ammette la presenza di animali domestici e mette a disposizione degli ospiti un parco giochi e un campo da calcetto, oltre a fornire la possibilità di visitare il maneggio, degustare i prodotti aziendali e scoprire l’apicoltura e le attività contadine attraverso diverse tipologie di percorsi didattici.

 

 

Calcola il percorso
Calcola il tuo percorso